Category: Portrait

REGARD “il nuovo ritratto” di Paola Rizzi e Mauro Pinotti

Se per ritratto si intende “raffigurare” una persona secondo le sue reali fattezze e sembianze, nella serie “Regard” ideata da Mauro Pinotti e Paola Rizzi  il ritratto diventa interpretazione. Questo lavoro fotografico (ma non solo) proposto in anteprima alla   mostra “Raccontami l’amore” presso lo Spazio B del Palazzo San Severino,va oltre alla rappresentazione didascalica del soggetto.
Gli autori esprimono un nuovo concetto di ritrattistica studiata sulla
rielaborazione degli elementi con tecniche artistiche per riportare non solo la fisionomia ma l’essenza della persona.

Le opere saranno in esposizione sino alla fine di agosto presso la Galleria d’Arte:
Outartlet Art Gallery

Corso Vittorio Emanuele II, 28 · +373 37 660 751

per informazioni:
Mauro Pinotti: mpinotti@libero.it
Paola Rizzi: photopierre@paolarizzi.com

Dettagli:
progetto a quattro mani:
serie “regard”
dimensione 50x70cm
digital c print
per informazioni contattare direttamente gli autori o la galleria

 

13308260_1060463273989521_4450639065376996972_o regard,-paola-rizzi,-ritratto,-mauro-pinotti

Recensione LensCulture competitions

Recensione  LensCulture competitions.

equality

credo nell’uguaglianza degli uomini; nelle pari opportunità, credo nei loro gesti e nei loro sguardi perche’ penso che il mondo ne abbia bisogno…

 

Additional Recommendations

Recommended Books & Photographers

Photo Competitions

Portfolio Reviews & Festivals

Biennale Italia Cina – Pechino 2016

Quelli che ritengo,  a giusta misura,   “i miei piccoli/grandi ” successi  sono in realtà frutto di collaborazioni,  di  ricerche  e percorsi  lavorativi  ma soprattutto,  sono il risultato  di chi crede in me.

Avvolta dalla gioia e dall’emozione, quella vera,  quella che fa tremare anche lo stomaco per essere stata invitata ad esporre alla Biennale Italia – Cina 2016 a Pechino la mia opera fotografica sulla metamorfosi, vorrei ringraziare due persone speciali   a me molto care:

Massimiliano Sartori  senza il quale questo lavoro non esisterebbe, a lui il mio grazie per assecondare sempre le mie fantasie e per essermi di grande ispirazione , in fin dei conti siamo nati tutti e due il 26 settembre! Non poteva che essere cosi…

Mauro Pinotti,  amico e grande fotografo con il quale da qualche anno collaboro  professionalmente a lui, che rappresenta la quinta essenza della praticità ,  voglio dire grazie  per aver condiviso con me la nascita e la crescita di molti progetti fotografici e  per avermi aiutata a dare visibilità a questo.

La forza espressiva di tutto quello faccio non è solo in quello che vedo con gli occhi ma  in quello che sento

E adesso lasciamo spazio alle informazioni….

 

COMUNICATO STAMPA

“I letterati e soprattutto gli artisti, nell’intento di dare contenuto e forma alle mutazioni nelle quali

sono coinvolti dalla realtà che li circonda, si sono spesso addentrati nelle profondità del pensiero

umano, dando libero sfogo alle proprie fantasie, fino ad arrivare ad impossessarsi degli stimoli più

reconditi, esprimendosi in maniera concettuale e del tutto astratta. Si è arrivati così a mescolare il

mito con la storia, l’immaginazione con la realtà, l’assurdo con il possibile.

Crediamo che l’arte possa essere un’artefice del mutamento, un mezzo per dimostrare di sapersi

spingere oltre, in sintesi una visione dell’intelligenza cognitiva e dell’intelligenza emotiva che dà

origine al cambiamento, alla metamorfosi.”

Sandro Orlandi Stagl, curatore della Biennale Italia Cina dal 2012

Il 27 agosto 2016 si inaugurerà la quarta edizione della Biennale d’Arte Comtemporanea Italia Cina

presso “798 Art Disctric”, “The Third Plastic Factory” e “The Manet Beijing “, contemporaneamente

nelle tre locations.

La Biennale Italia Cina iniziata nel 2012, si svolge ad anni alterni in Italia e in Cina, come continua

comunicazione tra le due più antiche culture.

Siamo riusciti a mantenere attiva questa grande cerimonia per tre volte.

Il tema di quest’anno è la Metamorfosi.

Dopo esser stata ristrutturata, “The Third Plastic Factory” mostra il suo nuovo vigore,

sottolineando essa stessa il tema della Biennale.

Nello stesso tempo, insieme alle altre due locations, siamo certi sarà un’esposizione meravigliosa.

Sullo sfondo della globalizzazione culturale, più di 90 artisti sia italiani sia cinesi, prenderanno parte

all’Esposizione in cui potranno testimoniare un grande impatto reciproco tra due culture splendide.

“La Metamorfosi è sempre la speranza che può aiutare gli uomini ad aggrapparsi all’opportunità

del presente e a migliorare il nostro futuro, e gli artisti stessi ci portano questa speranza. Tutte le

controversie e le discussioni che nasceranno durante il processo di metamorfosi saranno i veri valori

e significati che nel medesimo momento saranno il fondamento della metamorfosi.”

Wang Jing Yi, curatore della Biennale Italia Cina 2016

La Biennale è composta da tre sezioni: “la circostanza presente”, “il gene carismatico” e “il nuovo

mestiere in metamorfosi”.

Nella sezione de “la circostanza presente”, abbiamo invitato gli artisti più importanti di due paesi

in grado di narrare la situazione presente.

Segreteria Organizzativa c/o EBLand Srl, Via Messedaglia 7, 37135 Verona (VR), Tel 045 8622389, info@ebland.it

Tra gli aritisti italiani sono stati invitati: Piero Gilardi, Lucio Pozzi, Marco Bolognesi,

Andrea Chiesi, Franco Mazzucchelli, ecc. Per gli artisti cinesi, ci saranno: Ai wei wei,

He Yun Chang, Yuan Gong, Li Zhan Yang, Ye Yong Qing, Shi Jin Song, Yu Xin Qiao,

Yang Na, ecc.

Viviamo oggi nell’epoca della globalizzazione, dobbiamo concentrarci sullo svillupo

della storia dell’arte e su altri argomenti che si ricollegano all’arte, agli uomini e alla

società umana.

La sezione de “il gene carimastico” è divisa in due attività principali: mostre personali e mostre

collettive.

Tutte le opere che abbiamo scelto sono quelle più determinanti nel mostrare le diverse bellezze, e i

diversi modi di apprezzare le opere d’arte.

L’ultima sezione (“il nuovo mestiere in metamorfosi”) è una diretta conversazione con la cultura

italiana. E’ l’opportunità di dare il nostro sublime saluto a Matteo Ricci, Giuseppe Castiglione e a

tutti i nostri vecchi amici italiani che hanno aiutato lo sviluppo dell’arte cinese.

Gli organizzatori di questa Biennale parteciperanno al “Global Museum Director Forum”, che è

organizzato dai capi e degli amministratori principali delle gallerie europee più famose, incluse

“Dali Foundation”, “Prada Museum”, “Guggenheim Museum Bilbao” e altre due gallerie.

L’argomento di questa conferenza, suggerito dalla Signora Mian Bu, tratta il lavoro degli artisti

capaci di creare la civiltà e di svilupparla. Tutte le azioni che possono aiutare questo processo sono

indimenticabili.

E’ essenziale ricordare l’origine della Biennale.

Se non ci fossero stati i contatti proficui con i nobili veneziani e la collaborazione con i mercanti

illuminati, non ci sarebbe la nostra venerabile Biennale oggi.

Da quest’anno ha inizio la completa commercializzazione della Biennale Italia Cina.

La storia dell’arte e la storia del mercato d’arte. Vendere le opere eccellenti è una cosa orgogliosa

per qualsiasi organizzazione artistica.

Ji Xiao Feng, direttore della Biennale sezione cinese, ha esplicitato il suo atteggiamento.

“La commercializzazione dell’arte contribuirà sicuramente a far conoscere in tutto il mondo la

Biennale Italia Cina e alimenterà il coinvolgimento di un numero di persone sempre crescente.”

Segreteria Organizzativa c/o EBLand Srl, Via Messedaglia 7, 37135 Verona (VR), Tel 045 8622389, info@ebland.it

 

metamorfosi_layout_rgb

METAmorfosi      tecnica: fotografia digitale

stampa su tela canvans 270 gr

dimensioni 90×460 cm

 

Biennale Artistica Cina Italia

 

 

strato

 

Nel cercare di aggirare le rappresentazioni
stereotipate della ritrattistica fotografica può capitare che mi ritrovo ad  essere
vittima delle mie stesse elaborazioni, bastano cosi’ pochi elementi a scatenare un pensiero che vuole diventare
immagine per condurre lo sguardo di chi osserva attraverso un linguaggio visivo essenziale ma che ha bisogno di una chiave di lettura …parliamo di una malattia neurodegenerativa , parliamo di Alzheimer una patologia neurodegenerativa, progressiva ed irreversibile, che colpisce il cervello che rappresenta oggi  la più comune forma di demenza, intesa come una progressiva perdita delle funzioni cognitive; il morbo di Alzheimer influisce, infatti, sulle capacità di una persona di portare a termine le più semplici attività quotidiane, andando a colpire aree cerebrali che controllano funzioni come la memoria, il pensiero, la parola.
Il declino progressivo delle funzioni intellettive porta, nel malato di Alzheimer, ad un conseguente peggioramento della vita di relazione, dovuto alla perdita di controllo delle proprie reazioni comportamentali ed emotive. Negli stadi finali della malattia sopraggiunge la perdita dell’autonomia che spesso richiede l’istituzionalizzazione.

 

ph paola rizzi
tratto da //www.my-personaltrainer.it/salute/morbo-di-alzheimer.html

 

 

L’essenza di uomo

La complessità di un essere umano e la relazione con sé stesso (o coscienza di sé) e la relazione con gli altri.  Spesso quest’ultima si è rivelata fondamentale per l’evoluzione della specie. Senza le interazioni col prossimo l’uomo sarebbe molto simile agli altri esseri viventi.

ph

paola rizzi

I.caught di Paola Rizzi

I.CAUGHT NASCE DA UNA PERFORMANCE FOTOGRAFICA DURANTE LA QUALE LE PERSONE INTERVENUTE ALLA SERATA TENUTASI PRESSO L’EX PALAZZO COIN DI VIGEVANO SONO STATE INVITATE A SEGUIRMI AL BUIO.UNA MACCHINA FOTOGRAFICA E L’AIUTO DI UN AMICO CON UNA TORCIA HA DATO ORIGINE A TUTTO IL RESTO. VOLEVO “CATTURARE” LA LORO ATTENZIONE, IL LORO SGUARDO E ANCHE , SE CI FOSSE STATO IL DISAGIO . IL RITRATTO FOTOGRAFICO LASCIA LE SUE VESTI USUALI PER DIVENTARE TRA LE MIE MANI UNA ESPLORAZIONECATTURARE LA PRESENZA DI UNA PERSONA IN UN ATTIMO E’ STATA UNA SFIDA, RICERCARE LA LORO ESSENZA NELLE PAROLE DI OSCAR WILDE ATTRAVERSO IL LIBRO “IL RITRATTO DI DORIAN GRAY” E’ STATO INTERESSANTE…
E’ NATA COSI’ LA SECONDA FASE DEL LAVORO:  UNA COMPOSIZIONE DI IMMAGINI E PAROLE, IMMAGINI ALLE QUALI SI ARRIVA SOLAMENTE UNA VOLTA CHE SI È CATTURATI DALLA VOGLIA DI ANDARE OLTRE, DAL DESIDERIO DI OSSERVARE …NELLA VITA NON BISOGNEREBBE PENSARE ALL’ARRICCHIMENTO ESTERIORE PERCHÉ DI ESSO NON RIMARRÀ NULLA; LA COSA PIÙ IMPORTANTE È ARRICCHIRSI INTERIORMENTE, CERCARE NELL’ANIMO VALORI, SENTIMENTI CHE SARANNO INDELEBILI E CHE POTREMO TRASMETTERE A CHI C’È VICINO.

 

 

L’autoritratto…

 

Nella fotografia, come nella pittura l’autoritratto incarna la massima autorappresentazione di se stessi e

dopo aver trascorso anni ad osservare le persone attraverso l’obiettivo nel mio continuo essere sempre in divenire

ho iniziato da qualche tempo una fase sperimentativa.

“Attraverso lo sguardo, metafora del suo potere creativo, l’auto-ritrattista acquisisce un triplice ruolo, in quanto è allo stesso tempo autore, soggetto e spettatore”, ha affermato Cristina Nuñez,

fotografa spagnola che ha proposto l’autoritratto come metodo di auto-terapia …autrice, soggetto e spettatrice…una necessità, una curiosità o una nuova fase fotografica? non saprei,

ma in questo stato di grazia di totale liberta’ di azione ci si perde tra rappresentazioni di se stessi e recite che diventano puro divertimento.

Ed è ancora in un’altra frase della Nuñez, che ho ritrovo parte delle motivazioni che mi hanno spinto verso questa ricerca infinita “…l’artista è in un certo senso

separato dal mondo, perchè in costante lavoro introspettivo, e questo causa spesso disagio esistenziale. Nel momento in cui

l’opera puo’ essere intimamente condivisa da un pubblico, esiste per lui la possibilità di liberarsi dai confini dell’io..”

link consigliati:

 

link consigliati:

Cristina Nunez

The Exposure Award Portraiture Collection Musee du Louvre Paris

E poi succede che una mail non la leggi, anzi la cancelli proprio convinta sia una delle tante

che non ti interessano…

Pensare che un ritratto da me realizzato possa essere stato inserito in questo catalogo mi rende particolarmente orgogliosa di una foto che ho realizzato grazie alla straordinaria collaborazione

di Giada che ha creduto sin dall’inizio al mio progetto.

E oggi vedo che su  cinque milioni di partecipanti   provenienti da tutto il mondo quella foto e’ stata

inclusa in un display digitale di immagini presentate presso la Reception Award in  esposizione al Louvre

e inserita in un catalogo.

Ho un motivo in piu’ per continuare a credere nel ritratto come massima espressione

fotografica, ho un motivo in piu’ per seguire la strada che ho intrapreso….

 

SeeMe Exhibitions
OFFICIAL LETTER OF RECOGNITION
 


 

Dear paola rizzi,

We were thrilled to include your work in the digital display at the Louvre on July 13th as part of the Portraiture Collection. It was magnificent to see work from photographers representing over 191 different countries displayed together at the most esteemed museum in the world. Thank you for being a part of it!

We are excited to announce that the books featuring select Exposure Award Collections are almost ready! Below, you will find a sneak preview of the Portraiture Collection book (this preview is just for you)!

The hard cover printed version will be available soon! We are spending the next few days putting the finishing touches on the book and we will be sending them to the printer later this week. Stay tuned for special discounts on books for you and your friends.


Preview the Portraiture Collection book.

Below you will find your official letter of recognition for participation in the Exposure Award and the digital display at the Louvre.

It’s an honor to have your work included in this year’s event and in the books to come. Net proceeds from the sales of the books will benefit our charity partner, Pencils of Promise, working to build schools in developing nations.


 

SeeMe Exhibitions
OFFICIAL LETTER OF RECOGNITION
 


Dear paola rizzi,

It’s been an honor to show your photography as part the Fifth Annual Exposure Award. The work of this year’s project has been extraordinary, viewed by over five million photo enthusiasts from around the world. Additionally, your photograph was included in a digital display of images presented at the Exposure Award Reception at the Louvre.

Your photography was included in the Portraiture Collection
and was presented at a private reception at hosted at:

Musee du Louvre
75058 Paris – France
July 13th, 2015


Photography holds power. The act of taking a photo acts as a historical marker and a capture of time. Just as archaeologists offer hypotheses about ancient societies based on cave paintings, historians of the future will base their conjectures about us on the photography that is happening at this very moment, including yours.

As technology makes our world more interconnected, the act of creation has become a universal language and a vital conversation. Your photography, represented at the Fifth Annual Exposure Award reception is a thrilling contribution to that dialogue.

It’s been an honor to have your work included. Thank you for sharing your photography with us and with the world.

Sincerely,
William Etundi Jr. Signature
William Etundi Jr.
Founder of SeeMe
 

 

Another Eternity – 6 Biennale di Genova Esposizione Internazionale d’Arte Contemporanea

another eternity e quando finisce … finisce un amore, finisce un sogno da dove si ricomincia a volare a sperare dove esce la voglia di riprendere il volo in noi, semplicemente in noi.

Un lavoro nato da una ricerca fotografica legata alla voglia di interpretare la liberta’ quel senso di liberta’ che in certi momenti della vita ci

Una delle fotografie che compone questo progetto fotografico,  realizzato grazie alla splendida collaborazione di Debora Maida,  è stata selezionata

dalla giuria critica ed ammessa alla 6 Biennale di Genova  – Esposizione Internazionale d’Arte Contemporanea,  dal 04 al 18 luglio 2015

…e ritorno al ritratto

Se nella fotografia ci sono molti aspetti in cui adoro cimentarmi,  sperimentare e giocare fino a perdere le radici,  senza ombra di dubbio il campo

della ritrattistica rimane quello che mi affascina piu’ di tutti,  forse la ragione di questa passione

risale veramente alla “mia notte dei tempi” a quelle vecchie fotografie di famiglia che mi hanno

accompagnato tutta la vita raccontandomi  qualcosa di me.

E’ grazie alla passione di un papà che probabilmente mi ha trasmesso nelle vene qualcosa di piu’

che del sangue,  che fotografo da sempre e da sempre ricerco volti per raccontare storie.

E’ il caso di Samuele.

Samuele appartiene ad un’altra epoca, non puo’ essere un contemporaneo, i suoi modi e la

sua gentilezza sono in ogni suo gesto, a volte ti sfiora persino il pensiero che potrebbe non essere di questa terra.

Il suo desiderio era quello di avere delle fotografie che raffigurassero la sua fisicità,  dopo duri mesi di allenamento

aveva raggiunto  una forma fisica perfetta , ma questo e’ diventato

ben presto, dal mio punto di vista un elemento  secondario, Samuele è altro…ed è li che mi sono soffermata un po’ di piu’

ad osservare.

Questo sito utilizza i cookie PHOTOPIERRE.IT utilizza file di testo chiamati “cookies” per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Accetta Cookies