Tag: Francesca Woodman

Autoritratto self portrait experience “NaturalMente”

Succede che anche i fotografi, come del resto prima di noi i pittori, vengano catturati dalla

tentazione di riprendersi. Da tempo desideravo pormi difronte al mio stesso obiettivo e visto che

da ormai un paio di anni sto sperimentando le potenzialità dell’iphone ho deciso di usare questo

(nemmeno tanto semplice) strumento dalle grandissime potenzialità.

Fotografia introspettiva? smania di egocentrismo o narcisismo? forse  non direi…come diceva Francesca Woodman, senza per

questo volermi nemmeno affiancare lontanamente alla grandissima artista americana  “Fotografo me stessa perché sono sempre disponibile”

La  Woodman usava in gran parte esposizioni lunghe o la doppia esposizione

http://www.lucidistorte.it/fotografia/i-grandi-fotografi/francesca-woodman/

Ed è dalla doppia esposizione che io sono partita da un gioco di doppi scatti dall’unione della mia immagine

insieme a quello degli elementi naturali di cui amo circondarmi e che alimentano le mie fantasie visive, loro sono

dentro di me, sono parte di me.

Un’altra geniale “regina” dell’autoritratto, casualmente sempre donna (quasi a rafforzare l’ipotesi che le donne

abbiamo voglia di farsi conoscere per quello che sono attraverso gli strumenti che utilizzano per passione o professione): Cristina Nunez

http://cristinanunez.com/ si è messa in gioco attraverso l’autoritratto ha fotografo non solo se stessa ma i suoi stati

d’animo è andata oltre alla fisicità per raccontarci le sue sensazioni.

Nell’epoca del “social-ritratto” ha senso seguire questa strada a livello fotografico?

Si, sempre, ogni volta che sento la necessità di esprimermi attraverso la fotografia in un determinato modo

sento che non è frutto di contaminazioni moderne ma l’esigenza di esprimermi attraverso l’unico modo che conosco.

 

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it. Ok